La finta crisi del settore Automotive: dove è finito il libero mercato?
aziende, case studies, comunicazione, cultura & società, news

La finta crisi del settore Automotive: dove è finito il libero mercato?

Nuova Panda, nuova 500, nuova Stelvio, e chi ne ha più ne metta, ogni sei mesi ne escono di nuove, secondo loro...
E' da un decennio ormai che assistiamo a questa pantomima, quando in realtà sarebbe stato il momento di darci un taglio, netto. Ma a chi giova tutto ciò?

Che il settore auto sia in crisi perenne, almeno così pare, è noto.

Il problema è che produrre una nuova versione di auto partendo da zero è costosissimo. Il raggiungimento del break even point lo si ottiene dopo la vendita di milioni di unità e per farlo bisogna dotarsi di una rete di vendita e di una promozione all’altezza che vanno anch’esse retribuite.

Quindi qual’è la strategia a cui i produttori di auto mirano? Spremere tutto quello che si può da uno stesso modello fino all’eccesso, sino alla nausea verrebbe da dire, propinandoci la stessa versione in allestimenti differenti, cabrio, station, berlina, crossover, così da aumentare al massimo la redditività relativa. Andando ben oltre la sua vita terrena….

Cosa c’è di meglio allora di spacciare un’auto come se fosse nuova aggiungendole qualche fesseria un pò di qua un po di la, i fari matrix che fanno sempre tendenza, offuscando ben bene tutto il resto? Una sorta di truffa commerciale, lecita ovviamente, che grazie ad abili politiche di marketing rilancia progetti vecchi come il cucco (la nuova Panda, la nuova 500 etc, etc, etc…)

Avete idea di quando abbia fatto guadagnare a Peugeot – FCA la “misera” Panda nei suoi allestimenti storici, un’auto da 10.000 euro di media?

Fan così tutti, essendoci dietro un cartello, con regole precise da rispettare.

Per avvicinare il break even point, l’altra mossa, industriale, è quella di condividere la medesima tecnologia su più modelli di uno stesso segmento. Cambia l’allestimento, la carrozzeria, ma i motori, il pianale e tutto ciò che è nascosto agli occhi in realtà è identico. Così facendo si abbattono drasticamente i costi fissi ed aumentano le entrate.

Oggi nonostante si parli di elettrico in lungo ed in largo, fa anche figo, la tendenza dei produttori di auto è quella di tergiversare, tenere sempre la rotta verso i vecchi motori termici. Non perché non abbiano pronta nei loro stabilimenti la soluzione elettrica…è da anni, probabilmente decenni, che è li pronta…ma perché così facendo guadagnano di più. Minima spesa massima resa…

Hanno cospicui parchi termici, fermi li, in attesa di un acquirente, in giro nei piazzali del mondo. Cosa fare di questa caterva di auto vecchie?

Siamo nel 2020 eppure di colonnine di ricarica nelle nostre città se ne vedono ben poche…

Un’offerta di mercato egoistica, basata solo sulla logica del profitto senza attenuanti, a discapito dell’ambiente, delle nuove generazioni, della volontà degli acquirenti di prediligere un altro genere di mobilità, delle politiche green, dei discorsi di Greta contro il surriscaldamento globale.

Provate, oggi, a recarvi da un concessionario. Indicate a listino un modello elettrico. Il differenziale di prezzo termico / elettrico gioca sempre a favore del termico. Ed il consumatore ovviamente con 10.000 – 15.000 euro di differenza in più, senza incentivi, cosa mai acquisterà?

L’offerta è pilotata dai grandi gruppi.

Non esistono qui leggi economiche: Il prezzo non è determinato fra incrocio di domanda ed offerta perché manca la libertà. Stiamo facendo quello che vogliono loro, ci ricattano, ci fanno acquistare tecnologie motoristiche degli anni 80 a prezzi stratosferici oltretutto, ci stanno spremendo si come arance ma riempiendo i i polmoni di agenti inquinanti.

Che senso ha oggi sborsare 20, 30, 50.000 euro per un’auto con il line assist, i fari matrix a benzina o diesel, che in fin dei conti hanno la stessa tecnologia inquinante di quelle che circolano in città?

La soluzione c’è ed è una: se potete farne a meno, non comprate auto termiche o mild hybrid…

E vedrete che i prezzi di quelle medesime vecchie auto, nonostante nessuno le acquisti, rimarranno comunque invariati…Succederà un pò come avviene per le arance sovra prodotte: piuttosto che regalarle a chi ne ha effettivamente bisogno, si preferisce distruggerle per non incidere negativamente sul prezzo di mercato..

Il libero mercato nel settore automotive?

Risponderei con la massima della corazzata Potemkin: “E’ una cagata pazzesca…” Cit. Fantozzi

Hai Bisogno di supporto per la tua Azienda?

Cliccando sul pulsante "Invia Richiesta" acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali al fine di ricevere una risposta alla richiesta, come indicato nella Privacy Policy.

Indice per Argomento

Iscriviti alla Newsletter

Call Now ButtonChiama ora
Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram